📅 SCADENZE FISCALI: LE DATE DI LUGLIO DA RICORDARE E IL NUOVO DOMICILIO DIGITALE

Il calendario per il mese di Luglio prevede, oltre alle scadenze ricorsive, importanti appuntamenti: vediamo insieme quali sono.

Domenica 16 Luglio – Scadenza effettiva Lunedì 17 Luglio

  • IVA – Liquidazione periodica – Soggetti mensili – Versamento dell’IVA a debito tramite l’utilizzo del modello F24 – codice tributo: 6006 (versamento Iva mensile – giugno), da parte dei contribuenti Iva mensili.
  • RITENUTE ALLA FONTE – Versamento delle ritenute alla fonte operate nel corso del mese precedente  (i.e.: compensi per l’esercizio di arti e professioni – provvigioni per intermediazione – retribuzioni di lavoro dipendente).
  • INPS – Contributi personale dipendente – Pagamento dei contributi INPS dovuti sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti di competenza del precedente mese.
  • INPS – Contributi Gestione Separata – Pagamento, da parte dei soggetti committenti, dei contributi relativi alla gestione separata INPS dovuti sui compensi corrisposti nel corso del precedente mese.
  • MODELLO REDDITI 2023 – Per i contribuenti titolari di partita IVA non interessati dall’applicazione degli ISA (quindi non interessati dalla proroga) che hanno rateizzato i versamenti e versato la prima rata al 30 giugno scorso scade la seconda rata di versamento..

Giovedì 20 Luglio

  • MODELLO REDDITI 2023 – Dopo la proroga annunciata con un semplice comunicato stampa dal MEF (al momento di predisposizione del presente scadenzario non è ancora pervenuto il provvedimento legislativo), scade il termine per il versamento delle imposte in prima o unica rata per i contribuenti interessati agli ISA.
  • DIRITTO ANNUALE CCIAA – Scade il termine collegato al modello redditi per il versamento del diritto annuale 2023.

Martedì 25 Luglio

  •  INTRASTAT – MENSILI E TRIMESTRALI – Presentazione degli elenchi riepilogativi mensili/trimestrali delle cessioni e degli acquisti intracomunitari relativi al mese/trimestre precedente.

Lunedì 31 Luglio

  • MODELLO REDDITI – Scade il termine per il versamento delle imposte con la maggiorazione dello 0,4% (prima rata o unico versamento). L’anomalia del 2023 è che nonostante il breve rinvio fra la data del 20 luglio e la scadenza di recupero fissata la 31 luglio, rimane invariata la maggiorazione dello 0,4%
  • MODELLO REDDITI 2023 RATEAZIONI – Per i soggetti non titolari di partita IVA che hanno optato per la rateazione scade oggi la seconda rata di versamento. Per chi ha pagato avvalendosi del termine lungo del 31 luglio prima e seconda rata scadono in pari data.

    Dopo il differimento dei termini al 20 luglio annunciato con un Comunicato Stampa da parte del MEF, non è ancora disponibile il provvedimento legislativo e la prassi dell’agenzia per la definizione delle rateazioni aggiornate (al momento di predisposizione del presente scadenzario non è ancora pervenuto il provvedimento legislativo).

    Ricordiamo che la percentuale di interessi che deve essere applicata a ogni rata successiva alla prima, deve essere conteggiata nella misura del 4% annuo.
  • BILANCIO AL 31/12/2022 – Deposito in CCIAA dei bilanci approvati nel termine lungo di 180 giorni
  • DIRITTO ANNUALE CCIAA – Scade il termine collegato al modello redditi per il versamento del diritto annuale 2023 con la maggiorazione dello 0,4%.
  • UNI-EMENS – Scade il termine per l’invio telematico della dichiarazione Uni-emens relativi al mese precedente.
  • I.V.A. – Rimborsi trimestrali Scadenza del termine per la richiesta di rimborso dell’IVA a credito risultante dalla liquidazione del secondo trimestre, nelle ipotesi in cui la legge consente di richiederlo.
  • RINNOVO CONTRATTI DI LOCAZIONE – Imposta di Registro – Scade il termine per il versamento dell’imposta di registro – pari al 2% del canone annuo – relativa ai contratti di locazione decorrenti dal giorno 1 del mese (solo per i contratti non soggetti a cedolare secca).
    Per il versamento si utilizza il modello F24.

Vi segnaliamo, infine, dal 6 giugno 2023, cittadini italiani, professionisti e aziende possono registrare gratuitamente su una nuova piattaforma, denominata INAD (Indice Nazionale dei Domicili Digitali), il proprio domicilio digitale, indicando un indirizzo PEC attivato in precedenza: nella propria casella di posta certificata si potranno, così, ricevere direttamente tutte le comunicazioni ufficiali con valore legale da parte della Pubblica Amministrazione. Per approfondire clicca qui.

Fonte: Le scadenze fiscali di Giugno 2023 | Commercialista Telematico

Ti ricordiamo che le scadenze posso subire proroghe, anticipazioni o modifiche di varia natura; a tal proposito ti consigliamo di consultare il calendario ufficiale che trovi sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Calendario Agenzia delle Entrate

Articoli che potrebbero interessarti:

Articoli dell'autore Team EBS